Liberati con le Asana

Vi sentite in qualche modo prigionieri nella vita? Vi è mai successo di sentire che potevate fisicamente respirare, ma la Gioia della Vita non poteva penetrare dentro di voi. Siate onesti. Fatelo solo per voi stessi.

A me e’ successo. Circa sette anni fa ho iniziato a realizzare che mi sentivo come dentro un barattolo di vetro e fuori c’era il mondo, ma io non potevo respirare quella purezza e quella bellezza. Non potevo respirare la bellezza del realizzare i miei sogni più selvaggi.

Da quel momento tante cose hanno iniziato a cambiare ad un ritmo accellerato, costante, per il mio bene. Tutti gli articoli di questo blog nascono dal mio desiderio di condividere tutto ciò che ho imparato, sperimentato e portarvi liberazione su tutti i livelli, come hanno fatto per me. Perche’ ora posso respirare, posso lasciare entrare lo spirito dentro di me ed ogni giorno e’ sempre meglio. Imparo e cresco con sempre maggiore Armonia e Grazia.

Quando capiamo di sentirci prigionieri inizia un viaggio lungo, non alla portata di una pagina di blog. Oggi voglio accompagnarvi partendo da una cosa essenziale: il nostro Corpo. 

Il nostro Corpo è il nostro Tempio Sacro e abbiamo il compito di prendercene cura, nessun altro si prenderà cura dei nostri bisogni, perché solo noi li conosciamo. Se vuoi libertà hai bisogno di muovere il tuo corpo. Guarda gli uccelli volano in continuazione, guarda i delfini nuotano sempre riposando solo due ore al giorno. Sono liberi. Anche tu lo sei immensamente e profondamente hai bisogno solo di realizzarlo e di svegliarti dalle illusioni che hai (mal)creato fin ora.

E’ da oltre 10 anni che ho iniziato a praticare yoga, a studiarla. All’ inizio non la associavo molto alla spiritualità. Lo Yoga viene trasmesso ed animato da chi lo insegna. Le mie prime esperienze a Milano con lo Yoga sono state certamente positive, mi sentivo bene, leggera. Ma non adoravo la mia pratica, al punto da farlo tutti i giorni. Ho iniziato ad essere autodidatta e le cose sono migliorate, ho percepito le mie prime estasi, rapimenti divini, Khrisna iniziava a rapire il mio cuore.

Al giusto momento poi ho incontrato le mie due insegnanti che mi hanno cambiato il modo in cui vedo e sperimento lo yoga tutti i giorni, i loro nomi sono Shiva Rea e Sianna Sherman. La mia pratica ora è infusa di passione, beatitudine, estasi suprema, piacere di muovere il corpo nel presente e di godermi i doni che il corpo riserva per me. È una scoperta ogni volta ed i viaggi sono fantastici.

Ho scoperto il Vinyasa Yoga, dove mandala sacri si dispiegano uno dopo l’ altro per richiamarci a casa, dalla nostra Essenza Amata. Dove la femminilità ci abbraccia coi nostri stessi movimenti, dove tutte le parti vengono accolte ed amate. Dove la creatività si esprime Asana dopo Asana, dove posso diventare un opera d’ arte vivente. Questo approccio trova le sue radici nel Tantra, il corpo di testi sacri più antico, antico come il tempo stesso alcuni dicono.

Per il Tantra il Mandala delle Asana, i sacri movimenti tramandati e che si evolvono, ha tre principali funzioni:

– Liberare l’ energia stagnante nella connessione Corpo, Mente, Cuore.

– Distendere e portare guarigione nella parti di noi che sono irrisolte.

– Bilanciare le energie di tutto il nostro biosistema.

La pratica Asana sciacqua fuori le delusioni dai nervi, muscoli e ossa, così che possiamo rinfrescarci nell’ Oceano Divino. La pratica continuativa pulisce le memorie limitanti dell’ Anima, relative a tutte le esperienze che abbiamo avuto nelle vite.

Le Asana inoltre ci aiutano a dissolvere gli schemi restrittivi, limitanti, che bloccano la nostra energia creativa. La nostra energia creativa nel Tantra viene chiamata Shakti. 

E quando sguinzagliamo questa energia creativa la mettiamo al servizio del Bene Supremo. Realizziamo il nostro proposito Divino e possiamo portare il Paradiso sulla Terra.

Ho dunque registrato una mini pratica per voi, affinché possiate avere un’ idea di ciò di cui mi nutro ogni giorno ed insegno nelle mie classi.

Guarda la mini pratica di Vinyasa yoga

Se vorrete condividere con persone con interessi simili e/o lasciare un commento mi farà molto piacere.

 

Alla prossima,

Namaste, Spiriti Liberi

❤️

Federica

 

Rispondi